Ribollita con Morellino di Scansano Castello Romitorio

 La ribollita è una zuppa tradizionale fiorentina a base di cavolo nero, pane toscano raffermo, fagioli cannellini ed olio "quello bono" extravergine di oliva. È un piatto talmente riuscito e conosciuto, che in esso si identifica non solo Firenze, ma tutta la Toscana. Il nome e gli ingredienti utilizzati fanno capire che ci troviamo di fronte ad un piatto di recupero, come lo sono molti piatti della cucina povera della campagna toscana, dove "non si buttava via niente". 

Ingredienti per 4 persone:

  • pane toscano raffermo (tipo casalingo, cotto a legna)
  • fagioli cannellini lessati
  • cavolo nero riccio di Toscana
  • bietola
  • patate
  • carote
  • sedano
  • zucchine
  • porro
  • cipolla
  • poca passata di pomodoro
  • olio extravergine di oliva
  • pepe nero
  • sale
  • brodo vegetale

Preparazione:

Prima di tutto occorre passare metà dei cannellini lessati al passaverdure, diluendo la purea con la loro acqua di cottura. Preparare poi un soffritto con cipolla e porro in abbondante olio (utilizzare una pentola capiente a bordi alti) e, quando le verdure si saranno imbiondite, coprirle con poca passata di pomodoro; lasciare insaporire per qualche minuto e aggiungere quindi cavolo nero, patate, sedano, carote, zucchine, il tutto tagliato grossolanamente e lasciare stufare dolcemente, con un po' di brodo.
Coprire e far sobbollire per almeno un'ora. Versare i fagioli cotti, sia quelli interi che quelli passati: questo facilita l'addensarsi della zuppa. Prima del termine aggiungere il pepolino, il pepe nero, il sale e due o tre cucchiai di passata di pomodoro. Portare a fine cottura. Per completare il piatto, disporre delle fette di pane in una zuppiera alternandole con mestoli di zuppa, fino ad assorbire bene tutto il pane. Far riposare per un giorno intero. Per poterla gustare, togliere dal tegame la quantità desiderata e metterla nuovamente a riscaldare, o meglio a 'ribollire', come abbiamo visto sopra.


Il vitigno predominante è il Sangiovese che dà vita ad un vino ben strutturato e piuttosto ricco di tannini, di colore rosso rubino con leggeri riflessi violacei. Vino particolarmente fresco e fruttato con note distinte di prugna e piacevole caffè tostato. Si percepiscono frutti rossi e neri, in particolar modo la mora e la prugna, che si combinano armoniosamente a delicate sensazioni speziate. Vino da tutto pasto che si accompagna con i primi piatti saporiti e con secondi di carne non troppo speziati.


Denominazione: Morellino di Scansano

Regione: Scansano (GR) – Toscana

Composizione: 85% Sangiovese, 15% Cabernet Sauvignon